Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

La neviera

Area Archeologica - Sito archeologico

Pozzo


Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Descrizione

title Pozzo con muratura perimetrale in pietra grezza che venne per lungo tempo adibite a deposito della neve destinata al consumo durante il periodo estivo.


Il manufatto

Sulle pendici del monte Giove, non lontano dall’abitato, si erge isolata l’antica “neviera”, una delle più importanti testimonianze storiche del Comune di Vaglio Basilicata.
Tale manufatto si compone di due corpi di fabbrica affiancati a forma circolare: la prima, quella dal diametro maggiore, è quasi completamente interrata fino a nove metri di profondità, la seconda più piccola presenta delle strutture in elevazione simili a quelle delle antiche torri. Le strutture di copertura sono completamente scomparse e i due manufatti sono tra loro comunicanti tramite una apertura ad arco.

L'utilità

Le “neviere” sono dei pozzi tronco-conici con muratura perimetrale in pietra grezza, profondi in media cinque o sei metri e con diametro fino a dieci metri, che vennero per lungo tempo adibite a deposito della neve destinata al consumo durante il periodo estivo.Sappiamo da fonti storiche che tra la metà del XIV secolo e la fine del XIX, l’uso del refrigerante naturale era molto diffuso sia per la conservazione dei cibi deteriorabili, e sia come terapia del freddo contro determinate patologie.
La neve, trasportata a spalla fino alla neviera, una volta introdotta nella fossa veniva battuta e costipata strato su strato, quindi coperta con fogliame secco e da una tettoia conica mobile; tra la struttura di copertura e lo strato di foglie si creava un’intercapedine termoisolante che permetteva la conservazione della stessa fino all'estate. Furono soprattutto le famiglie nobili e dell’alta borghesia che, durante il XVII secolo alimentarono un florido commercio del refrigerante naturale. Il commercio della neve, oltre ad appagare le richieste della nobiltà, doveva soddisfare anche le richieste di commercianti, ospedali, conventi ecc., divenendo talmente lucroso da giustificare l’applicazione di un’imposta. Inoltre si può ipotizzare che il secondo corpo di fabbrica della neviera di Vaglio, ovvero la torre, potesse avere funzione di “guardiania” a protezione del ghiaccio stesso.
neviera01 interno verticale

Luoghi collegati

Nessun dato da visualizzare

Galleria di immagini

Galleria di video

Servizi offerti

Nessun dato da visualizzare

Servizi esterni

Modalità di accesso

title

Entra in E847

8,9 km

Prosegui dritto su SS 407 Basentana/E847

10 m

Prendi l'uscita

450 m

Prendi Contrada Prati in direzione di Strada Provinciale 10 Venosina/SP10 a Vaglio Basilicata

8 min (3,6 km)

Svolta a destra verso Contrada Prati

150 m

Continua su Contrada Prati

1,8 km

Svolta a destra e prendi SS7

17 m

Svolta a sinistra

850 m

Svolta a sinistra

280 m

Svolta a destra e prendi Via Paschiere

280 m

Prosegui dritto su Via Carmine/Strada Provinciale 10 Venosina/SP10

100 m

Svolta a sinistra e prendi Piazza dei Caduti/Strada Provinciale 10 Venosina/SP10

Continua su Strada Provinciale 10 Venosina/SP10

140 m

 

Georeferenziazione

Indirizzo: Vaglio Basilicata, Potenza, Basilicata, Italia

Quartiere:

Circoscrizione:

CAP: 85010

Orario per il pubblico

Contatti

Telefono: +39 0971 305 011

Struttura responsabile

Nessun risultato

Ulteriori informazioni

Identificativo:

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri