Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Chiesa di San Donato (o di Santa Maria di Nazareth)

Edificio di culto - Chiesa

Chiesa


Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Descrizione

title

L’intitolazione a Santa Maria di Nazareth si riferisce agli arcivescovi di Nazareth scappati dalla Galilea e rifugiatisi a Barletta, dove il loro principale punto di ritrovo fu la chiesa di Sanda Maria di Nazareth nel borgo di S. Antonio, da cui dipendeva anche l’omonima chiesa di Vaglio. Vari rettori si alternarono nel corso del tempo nella gestione della chiesa pugliese e dei beni di pertinenza del vescovo di Nazareth, tra cui c’era anche la chiesa lucana.
L’edificio, risalente al XIV secolo, è caratterizzato da forme semplici ed essenziali, a cui una certa suggestione è conferita dalle cortine murarie in pietra.
La sobrietà dell’esterno, dove la copertura a spioventi è interrotta da un aereo campaniletto a vela si proietta anche nella spazialità dell’aula interna; quest’ultima è impostata su due navatelle affiancate e divise da un unico arco, ognuno terminante in una piccola abside semicircolare, a cui si può accedere mediante due portali simmetrici con finestra soprastante. Alle spalle della chiesa irrompe con tutta la sua bellezza il corpo biabsidato che trova un valido termine di paragone nella zona presbiterale del santuario di Rossano a cui rimandano anche i due altari interni anch’esso peraltro appartenente alla mensa del vescovo di Nazareth.Sulle pareti interne della chiesa si dispiega un interessante ciclo di affreschi, i cui interventi pittorici si possono datare in un arco di tempo compreso tra il XIV ed il XVIII secolo. Fra le varie scene si scorge la raffigurazione di S. Sabino, patrono di Canosa di Puglia, la cui presenza pittorica si può verosimilmente spiegare con i molteplici rapporti che legavano la chiesa di Vaglio al mondo pugliese.
Nell'arredo liturgico sono inclusi due altari lignei ascrivibili al XVIII secolo e due statue, anch’esse settecentesche, raffiguranti, rispettivamente, San Donato e la Madonna con il Bambino. L’ancona lignea contenente la statua di S. Maria di Nazareth fu commissionata dal rettore don Clemente Catalano, come testimonia la scritta posta al di sotto dei plinti: «Sumptibus rectore R.D. Clem.e V.s Cappellae S.S Sacramenti 1730». Una delle pareti è arricchita da una lastra marmorea percorsa da un’epigrafe, il cui contenuto ricorda la presenza nella chiesa della Confraternita di S. Maria di Nazareth ed i restauri di cui i suoi membri si fecero promotori alla metà del Cinquecento: «Hoc opus fe: venerabiles Confratres Sante Marie Nazarene 1553».

Luoghi collegati

Nessun dato da visualizzare

Galleria di immagini

Galleria di video

Servizi offerti

Nessun dato da visualizzare

Servizi esterni

Modalità di accesso

title

Entra in E847

8,9 km

Prosegui dritto su SS 407 Basentana/E847

10 m

Prendi l'uscita

450 m

Prendi Contrada Prati in direzione di Strada Provinciale 10 Venosina/SP10 a Vaglio Basilicata

8 min (3,6 km)

Svolta a destra verso Contrada Prati

150 m

Continua su Contrada Prati

1,8 km

Svolta a destra e prendi SS7

17 m

Svolta a sinistra

850 m

Svolta a sinistra

280 m

Svolta a destra e prendi Via Paschiere

280 m

Prosegui dritto su Via Carmine/Strada Provinciale 10 Venosina/SP10

100 m

Svolta a sinistra e prendi Piazza dei Caduti/Strada Provinciale 10 Venosina/SP10

Continua su Strada Provinciale 10 Venosina/SP10

140 m

 

Georeferenziazione

Indirizzo: Vaglio Basilicata, Potenza, Basilicata, Italia

Quartiere:

Circoscrizione:

CAP: 85010

Orario per il pubblico

Contatti

Telefono: +39 0971 305 011

Struttura responsabile

Nessun risultato

Ulteriori informazioni

Identificativo:

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri